Consigli

attività

SEMPLICI REGOLE PER ESSERE PIÙ ATTIVI

 

- Parcheggiare più lontano dal posto di lavoro
- Preferire la bici o la camminata a piedi
- Passare poco tempo davanti alla tv

 

L’OMS afferma che per mantenere un buono stato di salute psico-fisico e contrastare le malattie, bisognerebbe fare 10000 PASSI AL GIORNO (le persone sedentarie, ne fanno circa 3000).

L'importanza delle creme solari

creme solari

Le creme solari sono dei prodotti cosmetici che non devono mai mancare nella borsa delle vacanze. Possiamo scordarci tutto, ma non di proteggere adeguatamente la nostra pelle dall’azione nociva dei raggi ultravioletti quando andiamo al mare o in montagna. È una forma di rispetto nei nostri riguardi e una polizza assicurativa sulla salute futura.

Bisogna utilizzare sempre una crema solare prima di esporsi al sole. È scontato anche dire che senza una giusta protezione, la nostra pelle subirà dei danni irreversibili. Non è vero che le creme solari non fanno abbronzare, anzi, è vero il contrario: la crema solare, oltre a proteggere dai danni causati dai raggi ultravioletti, ci aiuta ad ottenere un’abbronzatura sana e duratura.

 

Quali sono i danni che i raggi ultravioletti possono causare alla nostra pelle?

 

- Eritema solare o scottatura: i danni permanenti alla nostra pelle a seconda della gravità, possono danneggiare il DNA.

- Rughe: Abbronzarsi in maniera esagerata, senza protezione, ma anche fare troppe lampade abbronzanti, causa un invecchiamento precoce della pelle. Questo perché i raggi ultravioletti causano la rottura del collagene con conseguente comparsa di rughe anche molto accentuate. Inoltre la pelle apparirà secca e ruvida.

- Macchie cutanee: Sono dette anche discromie e compaiono proprio quando non si usa una giusta protezione. Spesso capita che le macchie non compaiono subito, ma si facciano vedere anche a distanza di anni.

- Tumore della pelle: può aumentare il rischio di melanoma della pelle. Le persone con la pelle chiara e con molti nei devono prendere il sole in maniera molto graduale, non esporsi mai nelle ore più calde, ma soprattutto, utilizzare sempre creme con fattore di protezione molto alto.

Come scegliere la protezione giusta

- FOTOTIPO 1 (INDISPENSABILE UNA CREMA SOLARE CON 50+ SPF)

Questo fototipo ha una carnagione lattea, gli occhi molto chiari, spesso i capelli rossi o biondo chiaro e le efelidi sul viso. Si tratta di un tipo di pelle praticamente privo di melanina che non riesce ad abbronzarsi, ma rischia moltissimo in termini di danni all’epidermide e sviluppo di tumori come il melanoma, se non viene protetta con uno schermo quasi totale. Ricordiamo che è bene utilizzare lo stesso trattamento solare anche per la fascia d’età tra 0 e 6 anni.

 

- FOTOTIPO 2 (CREMA SOLARE CON 50+SPF E SUCCESSIVAMENTE 30+SPF – 25+SPF – 15+SPF – A SECONDA DEL GRADO DI ABBRONZATURA)

Questo fototipo ha una carnagione molto chiara tipica delle bionde o castane chiare, con occhi azzurri o verdi. Rispetto al fototipo precedente, questo tipo di pelle si colora un pochino di più perché possiede una quantità superiore di melanina, ma è sempre molto delicata. Alto rischio di ustioni ed eritemi senza adeguata protezione.

 

- FOTOTIPO 3 (CREMA SOLARE CON 15+SPF E SUCCESSIVAMENTE 10+SPF – A SECONDA DEL GRADO DI ABBRONZATURA)

Questo fototipo è il più diffuso, capelli castani, pelle non scura ma che si colora facilmente, occhi nocciola o screziati. Per questo tipo di carnagione, l’abbronzatura è abbastanza veloce, ma ha comunque necessità di adeguata protezione.

 

- FOTOTIPO 4 (CREMA SOLARE CON 15+SPF E SUCCESSIVAMENTE 10+SPF – 6+SPF - A SECONDA DEL GRADO DI ABBRONZATURA)

Questo fototipo è la classica carnagione mediterranea, quella olivastra, mentre capelli e occhi sono scuri. Anche se spesso pallida nei mesi invernali, difficilmente questo tipo di pelle si scotta in modo devastante perché è naturalmente dotata di molta melanina. Soggetti con prototipo 4 quindi, possono esporsi al sole con più tranquillità rispetto agli altri fototipi, ma sempre con adeguata protezione.

Share by: